Scegliamo il robot da cucina

I migliori robot da cucina sul mercato in termini di qualità/prezzo

L’uso di robot da cucina si sta diffondendo e in generale la soddisfazione dei nuovi utilizzatori di questo apparecchio è alta.

Molti “cuochi tradizionali”, sono riluttanti a incorporare questo apparecchio nelle loro cucine. Suppongo che i dubbi che potreste avere sono gli stessi che avevo io prima di valutare i vari robot sul mercato.

Spenderò i soldi per una carretta che finirò per usare due volte all’anno?
Sarà sufficiente il cibo che posso preparare con un robot per le 4 bestie che devono essere nutrite in casa mia (di solito cucino in una pentola molto grande e congelo quello che resta)?

Oppure, al contrario, vale la pena di acquistare un robot da cucina per single o per coppie?
Dovrò imparare di nuovo a cucinare i miei piatti preferiti?
Risparmierò davvero tempo?

Se ci metto solo 15 minuti per mettere delle lenticchie e loro ci mettono 15 minuti a cuocere nella pentola veloce…
Mi abituerò a pianificare i pasti e a perdere la magia dell’improvvisazione culinaria?
È davvero un vantaggio ordinare in cucina?
Dovrò pulire meno e scegliere meno?


La mia intenzione con questo articolo è quella di offrire un confronto tra i migliori robot da cucina sul mercato in termini di qualità/prezzo, spiegare le loro caratteristiche più rilevanti e la mia opinione personale su ciascuno di essi per sapere quale modello scegliere.

Per quanto riguarda l’uso del robot da cucina da utilizzarsi due volte all’anno, devo dire che ho cercato di non farlo. L’ho presa con entusiasmo, e mi sono occupata di preparare i piatti che cucino di solito a casa ma utilizzando il robot, più che per fare pratica, per far sì che prenda l’abitudine di usarlo invece di continuare con la mia solita routine.

La verità è che non è stato difficile per me incorporare l’uso del robot da cucina nella mia vita quotidiana e ho iniziato ad usarlo con entusiasmo.

Quando si sceglie un modello di robot da cucina, è importante sapere per cosa lo si intende utilizzare, che si acquisti un modello che si adatti ai piatti che si cucinano di solito o che si desidera cucinare (anche se in generale tutti i modelli hanno molte più funzioni di quante ce ne serviranno), o che l’apparecchio si adatti il più possibile al proprio stile di vita.

Il Cecotec Mambo 9090 mi è sembrato il più adatto per un utilizzo molto variegato, di contro il modello che ha la maggiore capacità tra i robot da cucina analizzati è il Moulinex Maxichef Advanced da 5 litri, peraltro è anche uno tra i più economici, quindi mi è sembrato l’opzione migliore, ma è quello con la minore potenza e che riduce la sua versatilità perché non può tagliare o mescolare, e queste sono due cose che faccio regolarmente, quindi l’ho messo per avere una pentola in più in cucina, perché volevo che fosse il più versatile possibile).

Cecotec Mambo 9090 pur indicando una capacità di 3,7 litri, ha in realtà 2 litri che è il massimo riempimento della brocca per cucinare in totale sicurezza (ma in generale tutti i modelli indicano una capacità massima inferiore alle dimensioni della brocca). Il Cecotec Mambo 9090 è anche il modello più venduto su Amazon che mi ha dato molta tranquillità. In ogni caso, guardando la tabella di confronto dei robot da cucina qui sotto è più facile farsi un’idea generale di quale sia il più adatto alle nostre esigenze.

Per quanto riguarda il fatto che ho dovuto imparare di nuovo a cucinare, dirò di no, ma bisogna saperlo fare come tutto il resto. Per esempio, la quantità d’acqua che devi mettere per far apparire le lenticchie come piacciono a me è inferiore a quella che metto nel mio vaso espresso. In ogni caso l’uso di questo robot da cucina è abbastanza intuitivo e se non si ha molta idea di come cucinare viene fornito con un ricettario che permette di preparare i piatti semplicemente seguendo le istruzioni.

Una delle cose che mi piace di più è che può cucinare a bassa temperatura. Ha un intervallo di temperatura compreso tra 37 e 120 gradi. Così posso mettere uno stufato di carne molto lentamente per renderlo molto tenero. Parlando di cotture a bassa temperatura, e che questo tipo di ricette richiedono un bel po’ di tempo, una caratteristica del robot da cucina che quasi tutti i modelli incorporano è lo spegnimento automatico del timer, ed è molto utile.

Non ho mai osato mettere il forno o qualcosa del genere e uscire di casa, ma con il robot sono stato incoraggiato ed è una funzione che mi piace molto perché posso mettere il robot, uscire e trovare cibo appena fatto quando arrivo (molto utile il sabato quando devi portare il bambino alla partita di calcio di turno e finisci per mangiare qualcosa di veloce perché sei in ritardo e svieni)

Ma per favore, con un po’ di buon senso, non lasciate qualcosa in robot per due ore se non sapete come si comporta con quella ricetta 😉

Informazioni sulla sicurezza dei robot da cucina
Sono apparecchi sicuri, ma bisogna leggere le istruzioni. Ci sono cose da sapere che sono ben indicate nel caso del Mambo cecotec. Non chiudere il coperchio (misurino) durante la cottura a caldo, non toccare la brocca quando è in cottura a temperatura (così come non si toccherebbe la pentola se fosse in fiamme), ecc, ecc.

Ci sono altri tipi di raccomandazioni di sicurezza come le velocità massime a seconda di ciò che si sta facendo con il robot (non rimuovere il coperchio “tazza di misurazione” quando si sta tagliando a più della velocità 3 perché il cibo può volare fuori, non aprire il coperchio mentre si sta lavorando a velocità, l’accessorio farfalla può saltare dalle lame e rompersi se usato più della velocità 4 ecc…Ricordatevi di leggere attentamente le istruzioni per qualsiasi apparecchio di questo tipo!)

I principali criteri da prendere in considerazione:
Funzioni: più funzioni ci sono, più varietà di cibo possiamo cucinare con esso. Alcuni di essi sono: taglio, frantumazione, impastatura, grattugiatura, battitura, triturazione, affettatura, emulsionamento, frittura, cottura a vapore, tritatura (cibi vari da frutta secca, carne, spezie, frutta…).
Potenza: una buona potenza è fondamentale per sfruttare al meglio le sue funzionalità. Per esempio, una potenza bassa ci permetterebbe di tagliare o mescolare ma non di impastare.
Le dimensioni del bicchiere: dipenderà dal numero di persone per cui vogliamo cucinare regolarmente.
Temperatura: deve avere un’ampia gamma di gradi per programmare meglio la temperatura, la più appropriata per ogni alimento.
Timer: alcuni robot hanno un timer manuale e altri un timer digitale. In quest’ultimo è possibile selezionare più facilmente la temperatura e il tempo di cottura.
Display: di solito hanno uno schermo LCD e alcuni sono touch screen, il che rende molto facile programmare l’operazione.
Materiale: il rivestimento antiaderente per evitare che il cibo si bruci e si attacchi alla superficie è fondamentale per una migliore cottura. Il materiale è solitamente acciaio inossidabile, o ceramica in alcuni modelli.
Accessori: alcuni sono inclusi e altri possono essere acquistati separatamente. La caratteristica più interessante è che sono facili da smontare e possono essere puliti in lavastoviglie.
Oltre a queste caratteristiche più comuni possiamo trovare robot da cucina con altri extra, come: bilancia incorporata, accensione programmata, manutenzione a caldo, connessione WIFI, sistema autopulente, spegnimento automatico di sicurezza, doppio sistema di sicurezza che impedisce l’avviamento se il coperchio non è completamente sigillato, ecc.